<< Torna agli speaker

Mark Osborne

Director: THE LITTLE PRINCE


SCHEDULED WORKSHOPS

Le grandi storie nascono da grandi personaggi


Mark Osborne - view conference 2017

Per due volte candidato all’Oscar, Mark Osborne narra storie da più di vent’anni utilizzando sia il cinema dal vero che l’animazione. Attualmente, Osborne sta scrivendo, e sviluppando, numerosi nuovi progetti animati, compresa una trilogia di lungometraggi basata sulla serie a fumetti di culto “Bone” di Jeff Smith.

Di recente, ha diretto ed è stato il produttore esecutivo del primo lungometraggio animato ispirato all’amatissimo classico letterario di Antoine de Saint-Exupèry, “Il Piccolo Principe”, poi uscito negli USA sia in sala che sulla piattaforma di Netflix. Il prestigioso iter del film è iniziato con la prima (fuori concorso) al Festival di Cannes fino a diventare uno dei maggiori successi del botteghino internazionale, oltre ad ottenere il plauso pressoché unanime della critica che gli ha attribuito, tra l’altro, il Premio César per il Miglior Film d’animazione. Il lungometraggio vanta un impressionante cast vocale che include Jeff Bridges, Rachel McAdams, Mackenzie Foy, James Franco, Marion Cotillard, Benicio Del Toro, Ricky Gervais, Albert Brooks e l’esordiente assoluto Riley Osborne, figlio di Mark.

Il lungo, gratificante viaggio per adattare il classico di Saint-Exupéry in un moderno film d’animazione ebbe inizio otto anni fa, quando i produttori francesi Aton Soumache, Dimitri Rassam e Alexis Vonard ottennero il via libera da parte di Olivier D’Agay, presidente della Fondazione Saint-Exupèry per la Gioventù, per mettere in cantiere una versione cinematografica ispirata al romanzo del 1942. Nel 2009, fu il legame personale di Osborne con il libro e la sua visione su come portare la storia sul grande schermo a condurre il film in produzione. Osborne e la sua famiglia si trasferirono a Parigi per lavorare insieme a una squadra di artisti, dando inzio al processo creativo di un film che unisce computer grafica e stop-motion in un modo alquanto innovativo per un lungometraggio animato.

La notorietà per Osborne era già arrivata con il grande successo, di pubblico come di critica, del primo capitolo del franchise DreamWorks “Kung Fu Panda”, presentato anch’esso per la prima volta fuori concorso al festival di Cannes, nel 2008, e candidato all’Oscar come miglior lungometraggio d’animazione. Tra gli altri titoli di Osborne ricordiamo il corto in stop motion “More”, che ricevette un’altra candidatura agli Oscar, una agli Annie Awards, e si aggiudicò un Premio Speciale della Giuria al Sundance Film Festival.

Come accennato, Osborne ha lavorato anche in campo live action, ne è un esempio il lungometraggio indipendente “Dropping Out”, che vede tra gli attori suo fratello Kent e debuttò proprio al Sundance nel 2000. Le sue regie nel cinema dal vero comprendono anche la popolare serie tv “Spongebob Squarepants” (le parti con Patchy il Pirata) e tutte le sequenze live action di “Spongebob-Il Film”.

Nel corso della sua carriera, Osborne ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui la prestigiosa Guggenheim Fellowship, e premi per il design e la produzione grafica in progetti televisivi per BS, E! Entertainment Television, The Cartoon Network, Nickelodeon, oltre alla parodia musicale di “Jurassic Park” firmata dal cantautore/cabarettista Weird Al Yankovi, nominata ai Grammy Awards. Nel 2017, per il suo lavoro su “Il Piccolo Principe” e la collaborazione con la Fondazione per la Gioventù intitolata a Saint-Exupèry, gli è stata conferito il Cavalierato dell’Ordine delle Arti e della Lettere dall’Ambasciata francese a New York.

Osborne ha frequentato il primo anno propedeutico al Pratt Institute di New York prima di conseguire il diploma in Animazione Sperimentale al California Institute of the Arts (CalArts). Nel 1997, è tornato alla CalArts per insegnare Tecniche Avanzate del Cinema e ha tenuto conferenze e lezioni sul tema animazione in tutto il mondo, tra cui Tokyo, la Cina, Italia, Norvegie, Canada, Messico e Stati Uniti.

Condividi questa pagina